La morte, la sepoltura e l’esumazione

0

esumazioneIl momento probabilmente più buio e doloroso della vita di uomo è quello che porta lo stesso a dover dire addio ad una persona cara. Sia esso un familiare, un amico intimo o quant’altro il principio del dolore è sempre quello.
A queste evenienze non ci si è mai pronti, non ci si arriva mai preparati ma di fatto è un qualcosa che tutti noi nella vita abbiamo vissuto almeno una volta.

Svolto il funerale, con annessi dolori e frustrazioni, in genere si tende a svoltare pagina cercando di reagire: alle volte però la ‘storia’ non si chiude qui tanto che si rendono necessari i servizi di estumulazione e esumazione anche a distanza di decenni.

Differenza tra estumulazione ed esumazione

Possono sembrare termini molto simili, e di fatto lo sono, ma alla base hanno un significato differente: nel primo caso, infatti, quando si parla di estumulazione ci si riferisce all’estrazione della salma da un loculo mentre col termine esumazione si intende quell’azione che comporta l’estrazione della salma dal suolo.
Spesso per queste tipologie di problematiche le pratiche vengono svolte dal cimitero stesso o da qualcuno da questo delegato: entrambi i procedimenti, in genere, vengono effettuati su richiesta dei familiari (a proprie spese) soprattutto in occasione di trasporto da un cimitero all’altro.

Esistono però situazioni nelle quali non sono i familiari a farne richiesta: capita anche che si proceda d’ufficio secondo volontà delle autorità giudiziarie. Questo si verifica nel caso in cui si ritiene necessario un ulteriore referto fatto da un medico legale per avere un chiarimento su alcune indagini.
Per questo tipo di operazione si fa richiesta di presenza di testimoni onde evitare situazioni nelle quali vi possa essere un’alterazione delle prove stesse.

In ogni caso se vi interessa usufruire di alcuni servizi di esumazione clicca qui per ottenere le migliori informazioni a riguardo da Verano Servizi.

Esumazione ordinaria e straordinaria

Esistono anche due tipologie di esumazione: quella ordinaria e quella straordinaria.
Nel caso di esumazione ordinaria, dopo esser passati dieci anni dal momento della sepoltura, previa comunicazione del comune di appartenenza la salma viene riesumata e trasferita in apposite cassette (o almeno quello che ne rimane) affinché possa esser fatto nuovo spazio per nuove salme.

Nel secondo caso, invece, ovvero in caso di esumazioni straordinarie si procede prima dei dieci anni stabiliti dalla legge: ciò può avvenire solo in casi particolari come ad esempio richieste di familiari o delle autorità giudiziarie sempre dopo però aver avvisato l’Ispettorato Cimiteriale.

CONDIVIDI SU:

Leave A Reply

Altro... Cultura
Legno, quali gli attrezzi utili per poterlo lavorare
Il Buddismo e la cremazione
In uscita la silloge di Stefano Labbia – “Gli orari del cuore” edito da Leonida
Chiudi