Evacuata la stazione Termini, ma era un falso allarme

0

Il caos all’improvviso. Non è stato un tardo lunedì pomeriggio qualsiasi quello passato alla stazione Termini lo scorso 25 gennaio. Di colpo infatti è scattato l’allarme massimo per la segnalazione di un uomo che si aggirava all’interno con un fucile in mano.

Immediati sono scattati i piani di sicurezza ma della persona, che è stata anche immortalata dalle telecamere di sicurezza, non si trovava traccia. E’ stato poi rintracciato e fermato alla stazione di Anagni, si tratta di un italiano di quaranta anni che effettivamente aveva con se un fucile ma….giocattolo ! Sicuramente visto il periodo una una scelta poco felice quello di girare tranquillamente all’interno della stazione portando in mano in mano un’arma, seppur finta.

Fatto sta che per un’ora è stato il caos : treni fermi, rallentamenti e soprattutto tanti cittadini spaventati che si sono riversati in strada creando allarme anche nei tanti turisti che alloggiano negli hotel stazione Termini vicini.Evacuata la stazione però è di terroristi nemmeno l’ombra, così poi si è tornati alla normalità ma per alcuni minuti si era temuto il peggio.
Allerta costante.

Fortunatamente dopo tutto siamo qui a commentare una vicenda che potrebbe esser definita grottesca, ma lo spavento è stato tanto. Sono ancora molto vive infatti le drammatiche immagini dei tragici avvenimenti che hanno insanguinato Parigi e da allora è difficile sentirsi al sicuro.

Roma poi, essendo la culla del cristianesimo ed ospitando in questo 2016 il Giubileo straordinario della Misericordia, è ritenuto un obiettivo particolarmente sensibile e le misure di controllo e prevenzione  sono aumentate di molto dopo i sanguinosi attacchi terroristici dello scorso novembre.

Intelligence a pieno lavoro, militari nelle stazioni Metro e tanti controlli nelle strade, queste sono alcune delle misure adottate. Alla fine però basta una sbadatezza per mandare nel panico la principale stazione della capitale, e ci viene da chiederci come mai all’uomo è stato possibile prendere tranquillamente il treno.

Se fosse stato un terrorista nessuno lo avrebbe fermato nonostante la nonchalance con cui passeggiava con un fucile in mano, anche se finto. Resta comunque il grande spavento per le tante persone, era in uno degli orari di punta, che affollavano sia i binari che la galleria commerciale sottostante la stazione, che di colpo si sono visti far evacuare in fretta e fuori, fortunatamente solo per un falso allarme.

CONDIVIDI SU:

Leave A Reply

Altro... Cronaca
Sarri scivola sul finocchio
Thumbnail for 121947
L’assistente è Down, madre ritira la figlia dall’asilo nido: è polemica

Chiudi