Vivere gli spazi esterni

0

Vi sono spazi concepiti per non essere vissuti, almeno così come ci vengono consegnati, tuttavia a volte modificare gli spazi esterni può risultare necessario o comunque molto utile al fine di migliorare la propria abitazione rendendola più grande ed accogliente.
Previa autorizzazione del Comune di appartenenza o del condominio in cui si risiede, dunque, vi sarà possibile utilizzare quotidianamente terrazzi e balconi utilizzando tende sa sole, pergolati, tettoie, verande.
Prima di procedere, però, occorrerà individuare la categoria a cui è assimilabile l’opera che s’intende realizzare in modo tale da evitare di incorrere in un abuso seppur in maniera inconsapevole, per questo può essere importante rivolgersi ad aziende come AeP Infissi che oltre ad occuparsi di infissi in PVC a Roma si occupa anche di questo genere di prodotti.
Manufatti per esterni
Parlare di tettoie, verande, pergolati rende necessario analizzare i fattori che possono determinare un diverso trattamento dal punto di vista autorizzativo, per tale ragione è necessario considerare la funzione che s’intende far ricoprire all’oggetto: potrebbe fungere da protezione, da ombreggiamento o schermatura solare o da aumento dello spazio vivibile dell’appartamento.
La giurisprudenza edilizia si occupa, in relazione a ciò, di dare rilevanza allo stato in cui si trova il manufatto, se esso è definito precario ed ha carattere temporaneo, allora l’opera non necessita di autorizzazioni.
Ma in caso contrario occorre allora analizzare e definire correttamente la natura dell’intervento, se esso infatti ricade nelle attività di “edilizia libera” allora basta una Comunicazione di inizio lavori o comunque una Segnalazione certificata di inizio attività che attesti le vostre intenzioni.
Pergolati: vediamo in dettaglio
Il pergolato consiste in un’impalcatura costruita da due file di montanti verticali riuniti sul lato superiore da elementi orizzontali all’altezza del suolo in maniera tale da consentire il passaggio di persone.
Lo scopo principale di questo prodotto è quello di sostenere piante rampicanti e quindi di adornare e ombreggiare terrazze, balconi, giardini.
Un vantaggio consiste nel fatto che il pergolato, nella maggior parte dei casi, non prevede delle fondazioni anche se è possibile ancorare la struttura al pavimento.
Esso, inoltre, può essere addossato all’edificio e a seconda della tipologia di copertura può essere unito a frangisole o telo retrattile che prende il nome di pergotenda.
Esistono tipologie di pergolato sempre più funzionali e protese verso il futuro, spesso ci si concentra sul trovare soluzioni bioclimatiche con l’intento di creare microclimi nell’ambiente sottostante attraverso una ventilazione naturale resa possibile da lame metalliche basculanti.

CONDIVIDI SU:

Leave A Reply

Altro... Casa
image
Terremoto, cosa fare se compaiono crepe in casa

seconda-casa
Dal 2016 si può acquistare la seconda casa con le agevolazioni prima casa

image
Leasing per prima casa , detrazioni per under 35

730-tasse
Irpef 20% in meno per chi acquista una casa per poi affittarla.

Chiudi