Terremoto, cosa fare se compaiono crepe in casa

0

La paura purtroppo non solo è tornata, ma sembra non dare tregua. Dopo i terremoti che hanno colpito prima Assisi, poi l’Emilia per distruggere in seguito L’Aquila e, più tragicamente recentemente, per ben due volte le zone comprese tra Amatrice, Arquata del Tronto e Visso. Una dorsale appenninica che, essendo è sempre ben ricordarlo una montagna giovane, è in costante assestamento e movimento, come i recenti eventi purtroppo hanno confermato. Un nemico silenzioso e oscuro il terremoto, che ti colpisce senza preavviso e quando meno te lo aspetti lasciandosi dietro morti, feriti, sfollati e macerie. In particolare gli ultimi due eventi sismici, quelli di agosto e il più recente di fine ottobre, sono stati di forte intensità e, seppur il loro epicentro è stato registrato in zone di montagne dove vi sono perlopiù piccoli paesi e numerosissime frazioni, sono stati avvertiti molto bene anche in diversi capoluoghi fino a Roma, dove si è ballato non poco.

Cosa fare se si formano delle crepe

La violenza dei recenti eventi sismici ha provocato, anche molto distanti dagli epicentri, diversi danni e lesioni ad edifici sia pubblici che privati. Se nei Comuni che vengono riconosciuti facente parte del cratere sismico i criteri di verifica e di stima dei danni sono differenti, anche per tutte le altre zone che hanno subito danni naturalmente sono previsti rimborsi. Da evitare però ci sono alcune cose. Il terremoto avvertito molto forte e chiaro anche nella capitale per esempio ha portato grande paura visto che un tale evento mai era avvenuto nella città eterna. Chiamare un pronto intervento Roma  oppure qualsiasi altro privato è assolutamente inutile. Naturalmente se ci sono grandi crepe o criticità vanno subito avvertiti i Vigili del Fuoco. In caso invece di lesioni di entità minore, ma che comunque non vanno assolutamente sottovalutate, bisogna recarsi negli appositi uffici comunali oppure dalla Polizia Municipale, a seconda di dove ogni Comune ha preposto l’apposito ufficio. Qui si deve fare domanda di sopralluogo e aspettare che vengano mandati nella propria abitazione i tecnici abilitati a fare le verifiche, che poi trasmetteranno l’esito. Se ci sono gravi criticità si può arrivare anche allo sgombero, mentre se i danni ci sono ma non gravi ecco che ci si dovrebbe limitare ad un rimborso. L’importante comunque è che bisogna sempre ricordare che solo questi tecnici sono abilitati a fare verifiche e stime, quindi evitare di sentire altre persone per non perdere tempo o incappare in truffe.

 

come-riparare-una-crepa1

 

CONDIVIDI SU:

Leave A Reply

Altro... Casa
seconda-casa
Dal 2016 si può acquistare la seconda casa con le agevolazioni prima casa

image
Leasing per prima casa , detrazioni per under 35

730-tasse
Irpef 20% in meno per chi acquista una casa per poi affittarla.

Heliafilm_efficiency-new-record-e1455098797214
Novità in arrivo per raddoppiare la potenza del fotovoltaico.

Chiudi